03.12.2015   

I DIS ROBAS. Nuovo concerto Pasolini

Orario: 20:45 - Ingresso: 12,00 €

disrobas

I DIS ROBAS

Nuovo concerto Pasolini 


Compagnia im exil

Drammaturgia: Anna Romano

Musiche originali: Sandro Stellin - Trio Entr'Acte - Saverio Bari

Con : Antonello Manzo violoncello, Michele Murgioni sax # tuba # flauto, Giuseppe La Stella trombone # bombardino, Giuseppe Fabio Arcifa percussioni e Saverio Bari voce

DEDICA 1
Fontana de aga dal me pais
a no è aga pi frescia che tal me pais
fontana di rustic amour.
( fontana di acqua del mio paese / non cʼè acqua più fresca che nel mio paese / fontana dirustico amore )

DEDICA 2
Fontana de aga dal me pais
a no è aga pi vecia che tal me pais
fontana d'amour par nessun.
(fontana di acqua del mio paese / non cʼè acqua più vecchia che nel mio paese / fontanadi amore per nessuno )

Il concerto si apre e si chiude con queste due DEDICHE del poeta al suo paese,Casarsa… o forse l'Italia? Ed è un viaggio.
Un viaggio che parte con la promessa di un amore pieno, rustico, legato alla terra e allagioia di vivere del fanciullo; che sgorga come acqua fresca da una fontana; che muove ilsuo sguardo attraverso la condizione dell'uomo: la sua vita di fatica, il suo lavoro, la rabbiae la frustrazione, i sogni traditi, e i “giorni rubati alla bellezza”, dei quali nessuno loripagherà mai; un viaggio che termina col ritorno alla stessa fontana, la cui acqua ormaivecchia, marcita nel tempo, come le speranze di riscatto, non può dissetare nessuno; unviaggio in lingua friulana, lingua materna del poeta, lingua dura, come la terra che lʼhagenerata, e che, come la terra, fiorisce non appena irrigata, ammorbidita, fecondata dallamusica, mostrando la sua ricchezza, la sua pienezza, la sua densità; ed è un viaggio diconoscenza, conoscenza di ciò che è stato e che è, per cambiare ciò che sarà, per trovarela forza e la ragione di andare oltre la rassegnazione.
I testi delle canzoni sono le poesie friulane di Pier Paolo Pasolini (da La meglio gioventù),e le musiche sono originali, con arrangiamenti tra il folk e il jazz, e atmosfere avvolgenti, atratti intime, a tratti esplosive.
È un lavoro intenso e suggestivo, in cui musica e parole lavorano insieme per riproporre lavisione intima e quanto mai contemporanea del grande poeta e pensatore, illuminato eprofetico critico della nostra società di consumo.


Quando: 3 dicembre 2015, ore 20:45

Ingresso: 15 € (intero) 12 €(ridotto)

Infoline: 02 5462155 - info@teatrodellacontraddizione.it