24.04.2021   

il più grande spettacolo del mondo - Diretta Streaming

Orario: 21:00 - Ingresso: 7,00 €

il piu_grande

Sabato 24 Aprile – ore 21

In diretta dal Teatro della Contraddizione

Apuzzo-Biffi

Il più grande spettacolo del Mondo
Anteprima

drammaturgia e regia Stefania Apuzzo 

con Francesca Biffi e Luigi Guaineri 

aiuto regia Davide Angelotti 

scenografie e costumi Francesca Biffi, con l’aiuto di Paola Tognella (teste pupazzi) 

colonna sonora Matteo Curatella, Massimiliano Serra, Stefania Apuzzo 

Progetto realizzato grazie al sostegno di SPAZIO LAMBRATE


Due solitudini abitano un circo. Lei è la Donna Cannone, lui il Direttore. Si preparano per portare al pubblico “Il più Grande Spettacolo del Mondo”. Lei è l’attrazione, a servizio. Lui è al comando, sulle sue spalle grava il successo dello spettacolo. È un circo metafora di una società, una società che è una parata circense. Qui lo viviamo da dietro le quinte, e per quanto se ne parli come un successo mondiale, i retroscena sono scarni, scarni come dirupi. Per sfuggire da questa disadorna esistenza la direzione continua a rilanciare e promuovere lo spettacolo fino a romperne l’equilibrio, invalidarne la poetica. Così il circo è ridotto ad una giostra/carillon e i ruoli al suo interno si rivelano gabbie, strette fino a far dimenticare ai protagonisti il proprio nome. 

I due personaggi (di matrice clownesca) sono archetipi dell’essere umano maschile e femminile: lei ha due teste suggeritrici sulle spalle per dirsi e sentirsi perfetta, lui ha trampoli e stampelle per dirsi grande e vincente. Sono due esseri super accessoriati, arroccati nel loro io/ quasi-dio/super-io tanto da non riuscire a dialogare neanche dove nel testo è previsto. Grandi ma fragili, giganti ma inutili... Uno spettacolo sulla tenerezza, sulla pietas -ma non verso gli altri- verso se stessi. 

Osserviamo un carillon vivente che danza due solitudini apparenti ma in realtà fortemente legate l’una all’altra. Questo valzer che suona è il passo con cui danzano insieme solitudine e società: siamo tutti unici e quindi soli, ma essendo tutti nella medesima condizione di solitudine siamo una comunità. 

Il progetto ha avuto inizio quando, indagando sul mito di Prometeo, ho trovato nello scritto di Eschilo la matrice della civiltà europea/occidentale. Una matrice che indica il sacrificio come unica forma di esistenza, la solitudine come condizione unica e favorevole, l’essere maschio più vicino al Dio e l’aspettativa più rumorosa della speranza. Ed ecco l’uomo di oggi: solo e schivo, autoincatenato al sacrificio su un abisso di aspettative. Impaurito della morte ma mai contento della vita. Un essere insoddisfatto e sempre più arrabbiato con gli altri e con se stesso a causa del suo fallimento ma al contempo splendido nelle apparenze. Questa contraddizione, questo contrasto, questa guerra interiore è qui IL PIÙ GRANDE SPETTACOLO DEL MONDO. (Stefania Apuzzo)

La Diretta Streaming 

3 videocamere, una regia in diretta e un regista supervisore al servizio degli artisti, per cercare di entrare in contatto con il pubblico.

La diretta streaming realizzata da Teatro della Contraddizione e MOWlab ha come primo scopo quello di accorciare le distanze tra il pubblico lontano, separato, e il Teatro. 

Cercare la strada perché si possa attivare comunque una relazione con il linguaggio fisico dell'arte teatrale. L'idea è di sconfinare, al servizio di un'opera che si costituisca nel presente. 
Partiamo per invertire le gerarchie: gli occhi che catturano (le telecamere) sono al servizio dell'artista ma allo stesso tempo, sono introdotti nella sua sensazione fisica, trasformando così le direzioni del suo lavoro e l'opera stessa.
Non ci interessa esserci ad ogni costo ma cogliere questa occasione per sperimentare un nuovo linguaggio e verificarne possibilità e limiti.
Ogni diretta prevede giorni di residenza per gli artisti e per tutto lo staff tecnico, per contestualizzare l'opera e trasformarla. 
L'allenamento condiviso accorcia le distanze tra la troupe e la compagnia, creando una vera squadra al servizio dell'opera. Non si tratta di fissare, di chiudere l'opera, ma di mettersi nella condizione, tutti, di avere codici di relazione per poter poi agire sul presente della diretta.
L'intento non è creare la ripresa perfetta ma, al contrario, agire con coraggio, alla ricerca di una fisicizzazione del rapporto tra chi si esprime e chi raccoglie questa espressione. Una ricerca che privilegia la messa in gioco alla perfezione dell'immagine; dove l'imperfezione, quando nasce dal pericolo, non è considerata un problema ma al contrario è veicolo di elettricità, una delle condizioni importanti che l'esperienza del Teatro ci ha insegnato.
Per raggiungere questo risultato è necessario che le riprese avvengano con tre operatori e una regia in diretta. Per i performer è allenamento a percepire le videocamere, ad essere disponibile a nuovi orientamenti per creare un contatto.
Per i video operatori è allenamento a mettersi al servizio degli artisti, pronti a cogliere sguardi, dettagli, relazioni. 
Per la regia streaming è allenamento a riconoscere e scegliere le immagini che restituiscono e valorizzano lo spettacolo alla ricerca di una fisicizzazione che arrivi allo spettatore. 
Orientare e disorientare lo spettatore, a seconda dell'obiettivo specifico.
Il tutto sotto la supervisione di un regista che guarda direttamente sullo schermo il risultato finale di queste relazioni senza assistere alle riprese, come spettatore, rimanendo concentrato sull'obiettivo principale di rendere l'esperienza più fisica possibile. Segnala forze e debolezze delle camere, e delle scelte della regia video, negoziando con il regista dell'opera tra il senso dello spettacolo e il suo obiettivo di comunicazione, insistendo sulla necessità di trasformare ciò che non riesce ad andare oltre la semplice testimonianza video.

Diretta streaming a cura di Teatro della Contraddizione e MOWlab

regista supervisore Marco Maria Linzi
regia streaming Fabio Brusadin
immagini Marco Maccaferri, Salvatore Pugliano, Stefano Slocovich, 
materiali di ripresa Jumpcut srl
luci Micaela Brignone
allestimento Sabrina Faroldi
assistenza Maria Carpaneto

Biglietto d'accesso €7
infoline: diretta@teatrodellacontraddizione.it
evento disponibile su: https://www.teatrodellacontraddizione.digitalstage.biz/events/il-piu-grande-spettacolo-del-mondo-anteprima-in-diretta